Valutazione rischio esplosione Forlì

La valutazione del rischio d’esplosione è sempre più richiesta ai datori di lavoro come indicato dal testo unico sulla sicurezza D.Lgs. 81/08. Molti materiali che non presentano rischio di esplosione allo stato solido possono divenirlo se miscelati  nella giusta quantità con l'ossigeno dell'aria, ad esempio le materie alimentari quali zucchero, sale, pepe, farina ecc. ma anche metalli come ferro, alluminio, rame, ecc...

Più ovvio è invece per quegli impianti in cui sono presenti benzina, GPL o gas naturale, idrogeno sviluppato dalla ricarica delle batterie dei carrelli elevatori, centrali termiche, ecc...

Sempre maggiori sono le indagini svolte dagli organismi di prevenzione, dell’Asl o dell’Arpa, che verificano e puniscono datore di lavoro e dirigenti sia civilmente che penalmente nel caso in cui manchi la suddetta valutazione. Spesso tale documentazione è da consegnare anche al comando provinciale dei Vigili del Fuoco per il rilascio o il rinnovo del Certificato di Prevenzione incendi (CPI).

Il nostro studio si occupa di tale valutazione in ottemperanza a quanto sopra citato secondo le normative CEI vigenti.


cabina compressione metano
cabina di verniciatura
cabine di decompressione metano
carica batterie carrelli elevatori
cartello ex
centrale termica
deposito bombole
distributore metano
esplosione molino cordero
falegnameria esterno
falegnameria interno
impianto di trasporto farine1
impianto GPL
pompa di benzina
Ultime notizie
Quando non so cosa fare, do fuoco alle cose Ahah :)   Scherzi a parte, ho voluto far[...]
Ho preparato un articolo che sarà distribuito ai condomìni nei dintorni. Ovviamente l’ho sin[...]
Spesso vedo post in cui si enfatizzano le prestazioni di un impianto o di un particolare pan[...]

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…